Il sito Political24.it utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione,garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ultime News:

Crotone, riunione su costruzione nuovo Stadio

Mentre la squadra è in piena lotta per restare in serie “A” non si ferma il percorso per la realizzazione del nuovo stadio che dovrà essere, nella volontà di Amministrazione e società sportiva un modello di funzionalità e di accoglienza. Si è tenuta questa mattina nella Sala Giunta una nuova riunione operativa che segue quelle delle scorse settimane nella piena sintonia di rapporti tra le due realtà alla quale con il sindaco Ugo Pugliese ed il presidente del Crotone Calcio Gianni Vrenna hanno partecipato l'assessore allo Sport Giuseppe Frisenda e l'assessore all'Urbanistica Salvatore De Luca. Presente il consigliere Comunale Alberto Laratta e il dirigente del settore Urbanistica Giuseppe Germinara. L'idea progettuale prevede la realizzazione di uno stadio da 20.000 posti, funzionale, moderno che sintetizzi l'esigenza sportiva con l'accoglienza ma anche lo sviluppo sociale ed urbano dell'area dove sarà realizzato. Al riguardo sono stati esaminati alcuni layout ed a breve sarà firmato il protocollo di intesa che disciplinerà il percorso comune per la realizzazione dell'opera. Su lavoro sinergico di Amministrazione e Società pende la “spada di Damocle” della decisione della Soprintendenza rispetto allo storico “Ezio Scida”. A tale riguardo l'amministrazione ha richiesto la proroga della scadenza prevista per il 19 luglio proprio sulla base della nuova iniziativa messa in campo da Comune e Società. Parere che è atteso sin da febbraio quando è stato inviata la documentazione alla stessa Soprintendenza. Si va avanti per la costruzione del nuovo stadio pur avendo come prioritario obiettivo la proroga da parte della Soprintendenza il cui diniego potrebbe pregiudicare il futuro del percorso messo in campo da Comune e Società.