Il sito Political24.it utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione,garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ultime News:

Domande escluse da bando autoimpiego, Orsomarso (Misto): "Anteporre buonsenso a burocratismo"

“Si evince dalla graduatoria del bando regionale per l'autoimpiego che su oltre 1900 domande circa il 60 per cento non sono state ammesse e che, per la quasi totalità di queste, il motivo dell’esclusione è la violazione dell'art. 9 dell'avviso, ossia la mancata sottoscrizione di ‘ogni pagina’ di ciascun allegato. Auspico, però, senza voler biasimare alcunché, e lo spero vivamente - asserisce il presidente del Gruppo Misto Fausto Orsomarso - che per una volta la Regione anteponga il buon senso alle forche caudine di un burocratismo esasperato. Escludere, per un tale presunto vizio formale, la valutazione del 60 per cento delle domande presentate da giovani aspiranti imprenditori attualmente senza un impiego, è quantomeno, e a dir poco, inopportuno. Possibile - domanda Orsomarso - che la sbandierata lotta alla burocrazia annunciata da Oliverio e che ci trova da sempre convinti assertori, resti alla prova dei fatti lettera morta?!”. Ancora: “Perché escludere a priori 1200 giovani per un errore formale così banale, quando, nondimeno, tutto ciò si poteva evitare fornendo indicazioni preventive chiare e puntuali nell'avviso pubblico e nei singoli allegati?”. Spiega Orsomarso: “Peraltro, è anche facile optare per un'interpretazione più favorevole,  visto che, testualmente, alla fine di ciascun allegato, è scritto che il candidato dichiara che le informazioni contenute nel documento sono autentiche; indica il numero di pagine di cui il documento è composto e, soprattutto, ‘sottoscrive tutto quanto in esso contenuto’, da intendersi, vivaddio!, nella maniera più semplice e lineare possibile e cioè che con la sottoscrizione in calce si sottoscrive tutto il contenuto del documento”. Conclude Orsomarso: “Insomma, un minimo di elasticità! Non solo per facilitare il rapporto cittadini-Istituzione dopo le tante delusioni fin qui arrecate, ma anche alla luce della stessa lettera del bando e dei singoli allegati. D’altronde, se errore c'è stato, la Regione è quantomeno corresponsabile. Si trovi una soluzione equa e responsabile”.