Il sito Political24.it utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione,garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ultime News:

Il Pd si riunisce dopo la debacle elettorale

A quattro giorni dall’esito del voto delle politiche, primo momento di incontro del Pd a Catanzaro per una discussione a tutto campo sull’analisi delle elezioni, le prospettive future e una richiamo forte alla partecipazione e all’impegno per la costruzione di un nuovo Pd. Numerose presenze nella sede del circolo Lauria:  il neodeputato Pd, Antonio Viscomi, i candidati Giulia Veltri, Aquila Villella, Ernesto Alecci, Sebastiano Barbanti, Anna Maria Cardamone, iscritti e dirigenti provenienti da tutta la provincia, neo  iscritti ed elettori del centrosinistra si sono confrontati sui principali temi al centro dell’attualità politica. 
L’incontro è stato aperto da Giulia Veltri, che si è soffermata sulla necessità di mantenere vivo il senso di comunità e sull’importanza di una discussione a caldo “per raccogliere le voci e stimolare un confronto vero fra idee, soluzioni e proposte, attorno alle quali aggregare e recuperare vigore nell’azione politica, a partire da Catanzaro e dall’area centrale della Calabria. Non abbiamo voluto lasciar trascorrere troppo tempo dalla chiusure dalle urne, convinti che il dibattito sul futuro del partito e del centrosinistra debba essere fin da subito aperto e sincero”. Segretari di circolo, iscritti, dirigenti storici ed elettori hanno preso la parola per esprimere ognuno la propria opinione e dare un contributo al dibattito. Dopo gli interventi di Alecci, Barbanti e Villella, parola a Viscomi, il quale si è soffermato sulla necessità di non banalizzare né semplificare le ragioni variegate che hanno portato all’esito elettorale e che mettono in discussione modelli tradizionali di fare politica e schemi spesso rivelatisi incapaci di leggere il mutamento sociale. Da qui la necessità di aprire porte e finestre per partito democratico: “Il partito aperto – ha detto - inizia da qui: da circoli attenti a ciò che succede nella realtà e capaci di percepirne le trasformazioni. Prima di tutto i circoli, poi viene tutto il resto. È difficile, sarà dura, ma ce la possiamo fare. Possiamo ricominciare guardandoci in faccia, consapevoli che le nostre differenti sensibilità non sono un problema, ma semmai un tesoro prezioso”. Prossimo appuntamento a Lamezia Terme per un confronto itinerante e sempre più aperto.