Il sito Political24.it utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione,garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ultime News:

Coldiretti e Focsiv donano due container al campo di San Ferdinando

"Devono continuare a comporsi i tasselli per sostituire alla logica del ghetto quello della dignitosa ospitalità per i lavoratori". In questa direzione va la consegna e donazione di due container dotati di docce e spogliatoio al sindaco del comune di San Ferdinando (RC) e installati nel campo di prima accoglienza ( la nuova tendopoli).  Il significativo momento si è svolto alla presenza del Prefetto di Reggio Calabria  Michele Di Bari, del sindaco di San Ferdinando Andrea Tripodi e di Rosarno Giuseppe Idà e altri amministratori, il Commissario Straordinario del Governo per l’area di San Ferdinando Andrea Polichetti, il vice questore Diego Trotta,  i comandanti dei carabinieri, il presidente di Coldiretti Calabria Pietro Molinaro insieme a dirigenti della Federazione di Reggio Calabria e del Consorzio di Bonifica di Rosarno.  Il container è stato possibile grazie alla campagna svolta nelle piazze e Mercati di Campagna Amica  da Coldiretti Calabria e FOCSIV (Federazione Organismi Cristiani di Servizio Internazionale Volontario) “abbiamo riso per una cosa seria”.  “ E una  svolta, nei fatti, ha sottolineato il Prefetto di Reggio Calabria, perché è il primo intervento da parte di una associazione che rappresenta i datori di lavoro.   Dobbiamo proseguire per continuare a garantire condizioni di vita dignitose agli immigrati che lavorano prevalentemente in campagna, dare ospitalità agli immigrati, sottraendoli allo sfruttamento del caporalato con un regolare contratto di lavoro per la raccolta stagionale”. “Siamo  – ha ribadito Molinaro – per una azione di responsabilizzazione di tutta filiera, dal campo alla tavola, per garantire che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali, ci sia un percorso di qualità che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro. Abbiamo il dovere di combattere lo sfruttamento che si alimenta dalle distorsioni lungo la filiera: dalla distribuzione all’industria che arriva  a sottopagare i prodotti nelle campagne”.