Il sito Political24.it utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione,garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ultime News:

Coldiretti alla Regione: "Velocizzare l'adozione del Bando della Misura 10.1.B del PSR sull'Apicoltura"

"Dopo l'approvazione della Commissione Europea della misura 10.1.B 'Preservazione della Biodiversita: Apicoltura' del PSR Calabria 2014-2020 che prevede un sostegno con un premio ad alveare, è necessario - chiede Coldiretti Calabria - velocizzare la predisposizione e l'adozione del bando al fine di garantire  agli Apicoltori la presentazione delle domande entro la scadenza del 15 maggio p.v.".
"Tale scadenza - chiarisce Coldiretti- combacia con la presentazione della domanda unica PAC per i premi a superficie e per gli animali per la quale – annota -  bisogna procedere all'immediata pubblicazione dell'avviso con l'attivazione degli applicativi al fine di non compromettere la corretta predisposizione delle domande di aiuto e non esporre gli agricoltori alle penalità". Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria “sottolinea l'importanza della  misura apicoltura non solo per il mantenimento della biodiversità e la conservazione della flora e fauna, grazie al lavoro d'impollinazione che realizzano le api, ma anche per la manutenzione del paesaggio che rendono unico e caratteristico il territorio calabrese che possiede una grande varietà di habitat.   Gli apicoltori calabresi, continua Molinaro, in aggiunta al Programma Nazionale Triennale 2016-2019 potranno contare per i prossimi anni di nuove risorse per sostenere il rilancio del settore dopo il duro colpo subito per effetto dell'infestazione negli alveari del coleottero Aethina Tumida scoperto in Calabria a settembre 2014.  Molinaro evidenzia altresì, che vi è un aumento di consumi del miele come alimento della dieta quotidiana con una crescente attenzione per il benessere psicofisico e quindi il riconoscimento delle proprietà salutistiche del frutto degli alveari, tanto che nel 2017 gli acquisti delle famiglie hanno fatto registrare un balzo del 5,1%”.